sabato, marzo 10, 2007

POPOLI: TASSE PER TUTTI



APPROVATO AUMENTO DA 0.20 A 0.60 ADDIZIONALE IRPEF


POPOLI - Con l’entrata in vigore della Legge Finanziaria 2007, che disciplina al comma 142, l'applicazione delle Addizionali comunali IRPEF, si è aperto sia a livello Nazionale che a livello Locale un confronto - dibattito sulla interpretazione da dare alla facoltà per i Comuni di “stabilire una soglia di esenzione in ragione del possesso di specifici requisiti reddituali”. Invece, a quanto pare, l’amministrazione comunale ha le idee molto chiare.
In quanto, questa la nota dolente, la maggioranza di governo al Comune di Popoli, è intenzionata a “mettere le mani” per l’ennesima volta, nella tasche dei cittadini e “fare così cassa”, con un gettito calcolato per circa 200.000 euro, attraverso la proposta di regolamento in materia di addizionale comunale Irpef che prevede l’aumento dallo 0.20% allo 0.60%.
Forse, l’ennesima gabella fiscale “oltre i limiti consentiti dalla legge” che dovrebbe abbattersi sulle famiglie popolesi dopo quella sulla Tarsu e sull’ acqua.
Da rilevare c’è che, l’Abruzzo, attualmente, figura come la regione dove l’addizionale Irpef, con il suo 1,4%, è la più alta in assoluto in Italia e, a differenza delle altre Regioni, non è proporzionale al reddito ma uguale per tutti, anche per i meno abbienti”.
Le norme degli ultimi anni per limitare la crescita della spesa degli enti locali hanno finito per incentivare l'abuso del territorio e il ricorso all'indebitamento. La Finanziaria 2007, adesso, “permette” ai comuni di elevare l'addizionale Irpef. Una misura che ha suscitato molte polemiche per l’aumento della pressione fiscale.
La pressione fiscale complessiva nazionale (imposte dirette, indirette, in conto capitale e contributi sociali) è aumentata nel 2006 di 1,7 punti. Si e' attestata, così, al 42,3%.


PROSCIOLTO IL TESORIERE DELLA “RECTA RUPES”



POPOLI - Fu accusato, un anno e mezzo fa, di appropriazione indebita di materiali, libri contabili, parte della liquidità e materiali di scena.
Invece, in data 12/01/2007 il GIP (Giudice per le Indagini Preliminari), ha archiviato il procedimento con la seguente motivazione: “ essendo da escludere la possibilità di ritenere la sussistenza della fattispecie di reato ipotizzata né di altra, poiché… appare evidente l’assoluta mancanza di elementi, non altrimenti acquisibili, per sostenere l’accusa in giudizio, quantomeno, con riferimento all’elemento soggettivo (dolo) del reato di appropriazione indebita”.
Così, per Vito Marino, 57 anni, si è concluso un “calvario giudiziario” che lo ha tenuto, sulla “graticola”, per circa due anni.
Tempo, fa, già il pm (pubblico ministero) aveva presentato un’istanza di archiviazione del procedimento al quale, però, l’allora presidente dell’associazione popolese, Bonifacio Damiani si era opposto.
“Il sottoscritto – spiega in una lettera aperta , Marino – è stato vittima, non solo della denuncia di appropriazione indebita, ma di accuse pubbliche che oggi possono definirsi infamanti, diffamatorie e calunniose.
Il tutto, per mezzo di iniziative arbitrarie, illegittime e lesive.
Inoltre - dice amareggiato il tesoriere - , volantinaggio – in paese - con annessa preventiva condanna mai ritenuta presunta, unicamente al fine di ottenere l’immediato all’allontanamento del sottoscritto dal ruolo – funzione di tesoriere che, per anni, ho cercato di svolgere con onore.
Successivamente l’azione, “mirata”, volta ad annientare la mia reputazione e “distruggere” moralmente la mia persona.
A un anno e mezzo dalla denuncia – sottolinea Marino - per appropriazione indebita sporta nei confronti del sottoscritto , vostro concittadino, voglio rendere noto che in data 12/01/2007 il Gip ( Giudice per le indagini preliminari) presso il tribunale di Pescara, ha disposto l’archiviazione del procedimento penale.
Oggi – continua Marino - la giustizia ha trionfato sul sopruso e ha posto la parola fine ad una serie di atti diffamatori e un’enormità di calunnie che voglio definire: “romanzo criminale”.
Approfitto – conclude il tesoriere - , per ringraziare tutte le persone che non hanno, mai, dubitato della mia innocenza e che, in questi anni difficili, mi sono stati sempre vicino”.
Adesso, Vito Marino potrà rientrare nell’ associazione “Recta Rupes” e, finalmente, riprendere da dove aveva “lasciato” fino alla scadenza del suo mandato.
Auguri!
Chiunque è web editor o web writer va alla ricerca della conoscenza del suo tempo per afferrare il senso del mondo, per sopravvivere nel mondo, forse per cambiarlo.
Google
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. L'autore dichiara che le immagini e i testi contenuti in questo blog sono tratti e pubblicati dal web e che solo alcuni titoli dei post sono di propria fantasia, pertanto declina ogni responsabilità per quello che riguarda i siti ai quali è possibile accedere anche dai collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete.