venerdì, aprile 06, 2007

POPOLI: QUESTIONE SANITA'...



SANITA’ DI POPOLI

LATTANZIO: “ IL NOSTRO OSPEDALE E’ STATO PENALIZZATO”

POPOLI – Non si placa la polemica sull’ospedale.

Infatti, il consigliere provinciale di An Mario Lattanzio riguardo alla situazione del presidio ospedaliero di Popoli, è tornato sull’argomento precisando che: “parlare di potenziamento quando si è avuta la soppressione di due reparti ‘suona’ irriverente nei riguardi di chi, nel nosocomio, ci lavora. Considerata, la soppressione dell’UTIC che comporta la fine del presidio soccorso specialistico H24, la soppressione del reparto (Ostetricia) e del punto nascita. Perciò – sottolinea Lattanzio - , la legge approvata settimana scorsa dal Consiglio Regionale a cui il sindaco fa riferimento nei suoi frequenti “voli pindarici”, è la stessa che contiene il provvedimento che ha disposto la soppressione del reparto di Popoli!. La endoscopia chirurgica, invece, solo un ‘impegno’ informale per ottenere, con un reparto ad hoc, il riconoscimento delle professionalità eccellenti presenti a Popoli, senza oneri particolari, e che si traduce in un rinvio alla discrezionalità del Direttore Generale. Inoltre – conclude Lattanzio - , l’unità di “lungo risveglio” presso la rianimazione, di cui il sindaco giustamente decanta le lodi, ha un solo “difetto”: non riguarda i servizi diretti alla popolazione del bacino ospedaliero. Per questo, ora, siamo sempre più periferia del presidio ospedaliero di Pescara e, con la soppressione del Distretto Sanitario di Popoli periferia pure di Scafa.”
Chiunque è web editor o web writer va alla ricerca della conoscenza del suo tempo per afferrare il senso del mondo, per sopravvivere nel mondo, forse per cambiarlo.
Google
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. L'autore dichiara che le immagini e i testi contenuti in questo blog sono tratti e pubblicati dal web e che solo alcuni titoli dei post sono di propria fantasia, pertanto declina ogni responsabilità per quello che riguarda i siti ai quali è possibile accedere anche dai collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete.