domenica, aprile 01, 2007

POPOLI: OSPEDALE ADDIO!


POPOLI: PER “LIBERTA’ E COERENZA” L’OSPEDALE “NAVIGA A VISTA”

POPOLI - “Ospedale di Popoli? Si continua a navigare a vista!” – Queste le parole con cui il Consigliere Provinciale di AN Mario Lattanzio e del Capogruppo di AN in comunità Montana il Dr. Christian Salutari, ambedue consiglieri comunali a Popoli, stigmatizzano la politica sanitaria regionale e le azioni, o presunte tali, intraprese dalla Giunta Municipale di Popoli per salvaguardare l’Ospedale.
“Dopo aver costituito un tavolo interistituzionale in Comune – spiegano i due - dove erano rappresentate tutte le forze politiche della città e i sindacati e dove tutti i presenti si erano assunti la responsabilità di rappresentare le istanze di Popoli ai rispettivi Gruppi Consiliari Regionali condensate nella proposizione di 3 emendamenti riguardanti Utic, Chirurgia Endoscopica e Ostetricia, solo i Consiglieri Regionali Alfredo Castiglione e Donato Di Matteo hanno presentato tali esigenze nella V Commissione Sanità, con la differenza che in tale sede il primo li ha effettivamente portati in discussione e sono stati bocciati dalla maggioranza di centro sinistra, il secondo li ha ritirati!. Altresì – incalzano i consiglieri comunali - , quando i lavori sono giunti in Aula, solo il Capogruppo di AN li ha riproposti, chiedendo il voto per appello nominale, che ha visto il voto contrario di tutta La Margherita, e di tutto il Gruppo DS, tranne il Capogruppo Di Matteo, che ha dimostrato di rappresentare solo se stesso in seno ai DS quando si tratta di tutelare Popoli a livello regionale.
Ad un’azione che si era prefissa gli obiettivi di salvaguardare tre realtà – sottolineano Lattanzio e Salutari - , la nostra città porta a casa la soppressione delle U.O. di Utic e Ostetricia, che diventano sostanzialmente posti letto periferici dei reparti ospedalieri di Pescara e un ordine del giorno che raccomanda alla ASL di salvaguardare in qualche modo la professionalità di Chirurgia Endoscopica presente. Ci si era battuti per ottenere tre certezze, si è ottenuto solo due sconfitte e un barlume di speranza. Per questo – concludono amareggiati i due consiglieri - chiederemo un Consiglio Comunale Straordinario”.

UFFICIO STAMPA
Chiunque è web editor o web writer va alla ricerca della conoscenza del suo tempo per afferrare il senso del mondo, per sopravvivere nel mondo, forse per cambiarlo.
Google
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. L'autore dichiara che le immagini e i testi contenuti in questo blog sono tratti e pubblicati dal web e che solo alcuni titoli dei post sono di propria fantasia, pertanto declina ogni responsabilità per quello che riguarda i siti ai quali è possibile accedere anche dai collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete.