lunedì, dicembre 11, 2006

SBAGLIARE E’ UMANO, PERSEVERARE...


POPOLI: In comune un letamaio

CORSI E RICORSI



Popoli
- “La storia si ripete”. Questa è la risposta che il Capogruppo all’opposizione in Consiglio Comunale nonché Consigliere provinciale di Popoli, Mario Lattanzio, è costretto a fornire ai cittadini che lo fermano, costantemente, per le vie cittadine per avere chiarimenti e spiegazioni sul metodo adottato dal Comune di Popoli nella predisposizione degli accertamenti ICI.
“Ogni anno e, guarda il caso, sempre nel periodo natalizio – esordisce Lattanzio -, si verifica la solita seccatura per i cittadini: gli accertamenti ICI, emessi dal Comune, colpiscono sempre le stesse persone e riportano, sistematicamente, sempre gli stessi errori, addirittura, vengono notificati a persone defunte o a soggetti che non hanno più proprietà intestate.
Insomma, - dice Lattanzio - è inspiegabile nonché inconcepibile che, la gestione della principale voce di entrata, appunto l’ICI, sia effettuata senza accuratezza, professionalità, correttezza e con tanta superficialità.
Il malumore, ormai, - asserisce - serpeggia tra i cittadini ed è alimentato anche dal fatto che manca un punto di riferimento, praticamente, uno sportello attivo all’interno del Comune a cui rivolgersi per avere chiarimenti o, perlomeno, per ottenere spiegazione sulla “natura” degli atti.
E’ paradossale, inoltre, confrontare l’attività di verifica ICI – spiega il Consigliere di AN - con il controllo che si è concluso qualche mese fa, per esempio, quello che riguarda la tassa sui rifiuti solidi urbani (Ta.R.S.U.).
Sinceramente – prosegue rammaricato Mario Lattanzio - mi ero illuso nel vedere un servizio funzionare come si deve!.
La verifica della Ta.R.S.U., oltre a determinare un cospicuo recupero nei confronti dell’evasione e, quindi, a favore dell’Ente, è stata affiancata e supportata da uno sportello informatico - informativo presso il quale, i cittadini, hanno potuto relazionarsi per le innumerevoli problematiche che sono emerse.
Uno sportello, voglio ricordarlo, presentato in pompa magna alla cittadinanza e che, “misteriosamente” è stato sospeso.
Come mai? Era troppo utile o troppo evoluto per essere gestito con criterio – ironizza Lattanzio - ?
A questo punto, la domanda nasce spontanea, come diceva qualcuno: E’ stato un puro caso o, se non lo è, perché non si è adottato lo stesso sistema anche per la verifica dell’ICI?
Non è arrivato, credo, il momento di gestire i servizi con criteri di efficienza, efficacia ed economicità, invece di seguire, pedissequamente, le “gesta” dell’amministrazione centrale?
Ormai è palese – infierisce irritato Lattanzio – che l’attuale classe dirigente del Governo centrale, ha deciso di far passare i cittadini attraverso un “tritacarne”, spacciando, questo “modus operandi” per equità fiscale.
Chissà, forse, l’obiettivo della “municipalità “popolese, è quello di coinvolgere tutti nei pagamenti, nella remota speranza che i più, per paura o per ignoranza (che deriva, specificatamente, dall’essere poco informati), paghino le somme a “occhi chiusi” a loro notificate?
Il gruppo di opposizione “Libertà e Coerenza” a Popoli ha il diritto, sacrosanto, di sapere, senza inutili “coperture”, di chi è la responsabilità di questo “letamaio”.

LUCIGNOLO
Chiunque è web editor o web writer va alla ricerca della conoscenza del suo tempo per afferrare il senso del mondo, per sopravvivere nel mondo, forse per cambiarlo.
Google
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. L'autore dichiara che le immagini e i testi contenuti in questo blog sono tratti e pubblicati dal web e che solo alcuni titoli dei post sono di propria fantasia, pertanto declina ogni responsabilità per quello che riguarda i siti ai quali è possibile accedere anche dai collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete.