martedì, novembre 14, 2006

PRODINOCCHIO E' ALLA FRUTTA!



Italiani feroci e impazziti?

Prodi insulta il Paese: pensa solo al presente non al domani
Fini: il suo è il peggiore governo della nostra storia

L’insofferenza di Prodi ieri è arrivata alle accuse agli italiani di “impazzimento” e ferocia per le critiche alla manovra
Prodi ha insultato gli italiani sul trenino che, da Bologna, lo portava a Crevalcore per l’inaugurazione del raddoppio della tratta ferroviaria e, nel mentre, il premier si è lasciato andare: «Qui ormai – non si è riuscito a trattenere – siamo in un Paese impazzito, che non pensa più al domani...».
Ed esasperato per le critiche e le contestazioni che da più diversi settori e ambienti vengono indirizzate alla sua Finanziaria, aggiunge: «Ci vuole la responsabilità di tutti, perché dobbiamo vivere in un Paese saggio, non in
un Paese impazzito... Non cambio la Finanziaria perché c’è chi urla e chi fischia...».
Questa volta, insomma, il Professore l’ha sparata davvero grossa, esprimendo tutto il suo disprezzo non solo per l’opposizione ma forse per tutti gli italiani.
Da tutto il centrodestra si replica che a essere impazzito è, in realtà, il governo di Prodi. «Il premier – spiega il leader di An, Gianfranco Fini – è come una piuma, è talmente leggera che prima di cadere a volte basta un refolo, uno spiffero per rialzarsi, ma è politicamente al termine della sua stagione.
Questo è veramente il peggior governo della storia repubblicana, è un overno di sinistra e non di centrosinistra, in cui su tutte le questioni, dall’economia alla sicurezza, alla lotta all’immigrazione clandestina, la bussola è nelle mani della fazione più radicale. Non a caso – ha concluso Fini – c’è un presidente della Camera che è il presidente più interventista in termini politici degli
ultimi anni».

Chiunque è web editor o web writer va alla ricerca della conoscenza del suo tempo per afferrare il senso del mondo, per sopravvivere nel mondo, forse per cambiarlo.
Google
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. L'autore dichiara che le immagini e i testi contenuti in questo blog sono tratti e pubblicati dal web e che solo alcuni titoli dei post sono di propria fantasia, pertanto declina ogni responsabilità per quello che riguarda i siti ai quali è possibile accedere anche dai collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete.