sabato, novembre 11, 2006

Castiglione (An): la sirena D’Alfonso perde il suo fascino!


Castiglione (An): la sirena D’Alfonso perde il suo fascino

“La sirena D’Alfonso continua a perdere la sua capacità d’attrazione, nel palazzo come tra i cittadini, a conferma di quanto fosse effimero il suo fascino”.
Così Alfredo Castiglione, capogruppo di AN in consiglio regionale e consigliere comunale di Pescara commenta il voto su De Cecco.
“Non è la prima volta che D’Alfonso non vota e la motivazione è imbarazzante: non vuole schierarsi con una delle componenti della sua stravagante maggioranza. Non votare per un eletto è l’espressione peggiore, perché implica mancanza di responsabilità, di chiarezza e di coraggio, per non scontentare nessuno si finisce per scontentare tutti e soprattutto i cittadini.
In questi anni il sindaco ha dato vita ad una campagna acquisti scriteriata che, invece di rafforzarlo, lo ha indebolito, - osserva l’esponente di AN - minandone la credibilità e l’autorevolezza. E questo si è verificato perché mancava e manca un progetto che non fosse la propria affermazione personale, niente a che fare con una linea guida, una precisa idea sullo sviluppo della nostra città.
L’ennesima brutta figura di questa armata brancaleone c’è stata in questa occasione, con una parte importante della maggioranza che non si è fatta scrupolo di votare contro gli interessi di Pescara che, se è diventata la città trainante dell’intero Abruzzo, è anche grazie alla dinamicità della sua classe imprenditoriale. La nostra città ha bisogno di una grande e coerente aggregazione di moderati, senza personalismi, estremismi e radicalismi, miranti ad anteporre logiche di parte all’interesse della città e delle sue vocazioni. Per fare questo sarà necessario, quanto prima, mettersi tutto intorno ad un tavolo, perché il futuro della nostra città è più importante del velleitarismo dei singoli”.
Chiunque è web editor o web writer va alla ricerca della conoscenza del suo tempo per afferrare il senso del mondo, per sopravvivere nel mondo, forse per cambiarlo.
Google
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. L'autore dichiara che le immagini e i testi contenuti in questo blog sono tratti e pubblicati dal web e che solo alcuni titoli dei post sono di propria fantasia, pertanto declina ogni responsabilità per quello che riguarda i siti ai quali è possibile accedere anche dai collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete.