domenica, luglio 23, 2006

L'ACA RESTA A SECCO!!!



Il rebus dell’Aca
Acqua, stangata rinviata a settembre Casse a secco
L’Aca resta a secco. Sembra un paradosso eppure è così. Rinviata a settembre la stangata sulle tariffe dell'acqua, ci si interroga sul futuro dell'azienda consortile che ha dichiarato un bilancio in rosso per oltre un milione ed 800mila euro. Una bella cifra tenendo conto che di investimenti ne sono stati fatti davvero pochi e che una parte rilevante delle spese viene attribuita alla voce indennità e consulenze. Invece tutto quello che concerne la pianta organica è destinato ad assorbire ancora più risorse, almeno nelle intenzioni. Attualmente sono in servizio 150 dipendenti ma proprio l'azienda ha fatto sapere di essere sotto organico tanto che sarebbero necessarie alemno altre 70 assunzioni. Resta il problema dei letturisti, che sono davvero pochissimi e della fatturazione. Su quest'ultimo punto i consumatori hanno il dente avvelenato. Dopo le bollette con la fatturazione relativa ad un anno e mezzo di consumi sono arrivate quelle con il consumo presunto basate sull'ultima lettura. La paura è che ci sia un'altra mazzata, oltre l'aumento promesso per settembre, in occasione del conguaglio di fine anno. La buona notizia è che nei pozzi di captazione di Castiglione a Casauria sono stati installati i filtri a carbone attivo che permetteranno di immettere nelle rete dell'acquedotto Giardino circa 100 litri in più al secondo d'acqua. Consumatori con il portafogli vuoto a causa del prezzo dell'oro blu ma almeno con acqua a disposizione.
Chiunque è web editor o web writer va alla ricerca della conoscenza del suo tempo per afferrare il senso del mondo, per sopravvivere nel mondo, forse per cambiarlo.
Google
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. L'autore dichiara che le immagini e i testi contenuti in questo blog sono tratti e pubblicati dal web e che solo alcuni titoli dei post sono di propria fantasia, pertanto declina ogni responsabilità per quello che riguarda i siti ai quali è possibile accedere anche dai collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete.