lunedì, luglio 31, 2006

DO UT DES!



Finanziaria, Udc all’attacco con De Matteis e Amicone
L’AQUILA - Ancora polemiche tra i Poli in vista del Consiglio regionale di giovedì, in cui inizierà la discussione sulla variazione al bilancio 2006. Secondo il capogruppo dell'Udc, Giorgio De Matteis, «le critiche al documento di programmazione giunte dal mondo universitario abruzzese testimoniano l'assenza tragica di programmazione e di condivisione di obiettivi. Mentre le leggi sulla ricerca e lo sviluppo giacciono da mesi in commissione si assegnano, senza alcun criterio e preventiva concertazione con l'università, fondi per borse di studio per ricerca applicata, e con una metodologia senza capo nè coda, tanto da meritare la sonora bocciatura della conferenza regionale degli atenei». Per l’altro consigliere regionale Udc, e presidente della Commissione di Vigilanza, Mario Amicone, «la Finanziaria diventa sempre più strumento di spartizione clientelare o partitica, e sempre meno di programmazione o di attuazione di una politica di sviluppo per la regione. Da una prima rapida lettura della delibera di Giunta sulla variazione della Finanziaria, che conta ben 53 articoli contro i tre originali, improvvisamente escono fuori, senza sapere da quale cilindro, nuove risorse finanziarie (104 milioni di euro) e non si parla più di situazione disastrosa delle casse della Regione. Persistono in maniera incessante le attività di ricerca di posti per soddisfare i propri sostenitori».
Chiunque è web editor o web writer va alla ricerca della conoscenza del suo tempo per afferrare il senso del mondo, per sopravvivere nel mondo, forse per cambiarlo.
Google
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. L'autore dichiara che le immagini e i testi contenuti in questo blog sono tratti e pubblicati dal web e che solo alcuni titoli dei post sono di propria fantasia, pertanto declina ogni responsabilità per quello che riguarda i siti ai quali è possibile accedere anche dai collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete.