domenica, luglio 23, 2006

BRAVO GEREMIA!


Geremia Mancini: «Città dei ragazzi contro il disagio»
«Una Pescara sempre più sognata grande non commetta l’errore di dimenticare l’altra parte della città, quella che non ha bisogno di sogni ma di essere supportata nella quotidianità perché più debole, schiacciata dalla lòogica degli interessi e per questo a me più cara». Parole che schioccano come una frustata, queste di Geremia mancini. Il segretario regionale dell’Ugl nonché consigliere comunale di An chiede all’amministrazione comunale interventi concreti a sostegno soprattutto dei giovani a rischio. Un appello che si traduce nella proposta di realizzare una ”Città dei ragazzi”, un luogo di vita, di studio - dice Geremia Mancini - e soprattutto di preparazione ai mestieri per tutti quei ragazzi a grande rischio di devianza perché penalizzati da condizioni famigliari di assoluto disagio». Di esempi del genere ce ne sono diversi in tutta Italia e con risultati, a dire la verità, non sempre confortanti. Una “Città dei ragazzi” avrebbe bisogno di un forte sostegno economico ovvero di strutture e risorse che un Comune da solo fatica ad accollarsi, tantopiù se la Finanziaria impone tagli pesanti al bilancio. Importante però è discuterne e adoperarsi per non trascurare e tantomeno dimenticare queste dolorose realtà.
Chiunque è web editor o web writer va alla ricerca della conoscenza del suo tempo per afferrare il senso del mondo, per sopravvivere nel mondo, forse per cambiarlo.
Google
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. L'autore dichiara che le immagini e i testi contenuti in questo blog sono tratti e pubblicati dal web e che solo alcuni titoli dei post sono di propria fantasia, pertanto declina ogni responsabilità per quello che riguarda i siti ai quali è possibile accedere anche dai collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete.